lunedì 2 marzo 2009

Crostata Twix

Questa è la prima prova. Risultato: buono...ma molto migliorabile.
Ora vi racconto...ho un pranzo con amici domenica 22 marzo e mi sono proposta per portare il dolce: d'altronde, quale occasione migliore per avere una scusa per fare un sacco di prove? Poichè siamo in nove e non ho uno stampo così grande, ho deciso che farò due torte più piccole e di gusto diverso così da accontentare tutti. Ieri quindi, complice il fatto che la sera avevamo in programma una pizza con i miei cognati, ho fatto la prima torta di prova. Al che mio marito mi ha chiesto: "ma cosa dici a mia sorella quando ti chiederà perchè hai portato la torta?" ...non posso mica dirle che è perchè mi fanno da cavie... "trova qualcosa di più elegante"...beh, allora è per festeggiare i nostri primi 6 mesi di matrimonio!
Quindi ieri mi sono messa all'opera e ho sfornato questa bellissima crostata twix di Cavoletto

E ora vi spiego perchè è migliorabile...perchè ho fatto di testa mia! Ho modificato la pasta frolla utilizzando una ricetta trovata in un libro di pasticceria: buona ma forse la "mia" frolla è migliore! Poi, dato che sono andata a fare la spesa alle sei di sabato sera e il supermercato era stato praticamente saccheggiato, non ho trovato il burro salato (ma penso che proprio non ce l'abbiano) e solo una confezione di panna fresca da 200ml.Inoltre in fase di preparazione ho anche finito lo zucchero!cioè...non dico altro! Tutto questo, ha comportato un rifacimento del caramello che è riuscito a rovinare un po' la torta. Infatti il caramello ha completamente coperto il gusto della ganache di cioccolato, che praticamente non si sentiva più. La prossima volta provo a farla seguendo le dosi di Sigrid, ma riducendo a metà la quantità, in modo che venga solo uno leggero strato e penso che non ci acciungerò il sale. Comunque nel complesso è stata una crostata da rifare.


Crostata Twix

Pasta frolla

  • 250gr di farina

  • 125gr di burro

  • 125gr di zucchero semolato
Per prima cosa preparare la pasta frolla. Sbriciolare il burro e fregarlo con lo zucchero fino a che i due elementi sono completamente amalgamanti. Porre al centro della farina disposta a fontana e impastare. Io ho aggiunto anche due cucchiai di acqua gelida. Una volta ottenuto l'impasto lasciare riposare in frigo per un paio d'ore. Riprendere poi l'impasto, stenderlo con il mattarello e foderare uno stampo da crostata di 22cm di diametro. Se la pasta si rompe, non prendete paura: ricomponetela con gli scarti che sono rimasti e premete bene. La pasta frolla, data l'elevata quantità di burro ha la capacità di ricomporsi, per fortuna! Fare dei buchi con i lembi di una forchetta. Rimettere in frigo per 30min. Ora la si può mettere in forno preriscaldato a 180° e cuocere in bianco coprendola con della carta da forno e mettendo sopra o una coppetta o dei fagioli secchi per fare da contrappeso. Con il mio forno i tempi sono questi: 25 min coperta e altri 10 tirando via la carta da forno. La crostata deve risultare dorata nei bordi ma ancora morbida nella base. Lasciare raffreddare a temperatura ambiente. Quando si è raffreddata e l'abbiamo tolta dallo stampo, è pronta per essere farcita con la ganache al cioccolato.

Ganache al cioccolato
  • 300gr di cioccolato al latte

  • 150gr di panna fresca
Far bollire la panna in un pentolino e poi versarla sul cioccolato tagliato a pezzetti. Mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. Versare quindi nella base e lasciar raffreddare. Quando è fredda, porla in frigo per far rapprendere la ganache e passare a preparare il caramello

Caramello salato
(queste sono le dosi che ho usato io. Come dicevo, vi consiglio di seguire la ricetta originale. Quando la farò con le altre dosi che mi sono proposta, vi faro sapere come diventerà!)
  • 125 gr di zucchero

  • 100ml di acqua

  • 75 ml circa di panna fresca

  • 70 gr di burro

  • un pizzico di sale (sarebbe meglio il fior di sale, che ovviamente io non avevo...)
In un pentolino a fondo spesso, sciogliere a fuoco basso lo zucchero nell'acqua. Alzare poi la fiamma e far caramellare lo sciroppo fino a che non sarà brunito (non troppo altrimenti prende da bruciato). Togliere dal fuoco e incorporarvi il burro, la panna e il pizzico di sale. Rimettere sul fuoco e cuocere per 5 min continuando a mescolare. Far raffreddare il caramello e versarlo sulla ganache rappresa. Rimettere in frigo fino a che non lo si serve. Magari tirarlo fuori un po' prima per renderlo più morbido.

5 commenti:

  1. A noi sembra buona! ok ch ele idee dell'ultimo minuto..richiedono anche fortuna nella ricerca degli ingredienti...ma alla fine si rimedia no??!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Si, non era male, ma con le dosi giuste sarebbe stata molto meglio! Comunque...adesso mi è venuta pure un'altra idea per niente light su come farla...vi terrò aggiornate dei prossimi esperimenti!Un bacio

    RispondiElimina
  3. Quando sento parlare di caramello io impazzisco... e una crostata così l'avrei divorata in un sol boccone!!!
    Immagino che la cognata abbia gradito!
    bacio

    RispondiElimina
  4. Ciao! avremmo un piccolo pensiero per una tua ricetta..se vuoi passare a trovarci....

    RispondiElimina
  5. @furfecchia: si si, hanno gradito molto! :o)
    @manu e silvia:...oh mamma...passo subito!!!

    RispondiElimina